Home > News > "Memos": una mostra per ripercorrere un millennio di storia

"Memos": una mostra per ripercorrere un millennio di storia

 

Anche se in questo momento delicato non possiamo andare a visitare mostre e musei, questo non vuol dire che non possiamo dedicarci alla scoperta di opere ed esibizioni. Infatti, per far fronte alla reclusione necessaria per via dell’epidemia di coronavirus in corso, molti musei hanno dato risalto alla possibilità di consultare collezioni e visionare opere online. Sicuramente un modo originale per aiutare le persone ad occupare la mente in questi giorni difficili, tanto che molti musei propongono addirittura tour virtuali a cui prendere parte comodamente da casa!

Il sito ufficiale del Museo Poldi Pezzoli, ad esempio, consente di vedere e leggere le descrizioni di tutte le opere che fanno parte delle collezioni permanenti. Il 21 di febbraio scorso è stata inaugurata anche una mostra temporanea dedicata proprio al mondo della moda: “Memos. A proposito della moda in questo millennio”. Le fotografie, che si possono scaricare sempre dal sito del museo, ci raccontano un percorso interessantissimo per tutti gli appassionati, anche per gli aspiranti fashion stylist e designer della nostra MKS Milano Fashion School!

Questa mostra, nata da una collaborazione con Camera Nazionale della Moda Italiana, punta a far riflettere sulle qualità della moda contemporanea a partire dalle “Six Memos for the Next Millennium” di Italo Calvino, da cui deriva il titolo stesso dell’esibizione. Sono proprio le parole di Calvino che hanno ispirato una riflessione su ciò che la moda, intesa come industria culturale, può comunicare e sulle sue trasformazioni.

Memos”, ideata e curata da Maria Luisa Frisa, propone infatti un ricco percorso espositivo che, attraverso oggetti, riviste, abiti e curiosità, crea un discorso articolato intorno alla pratica del fashion curating e sulla gestione dei prodotti stessi della moda. Questa riflessione ha permesso di riattivare il legame tra gli spazi della casa-museo e la moda, come era già avvenuto in passato per altre mostre dedicate a questa realtà.

“Al momento non abbiamo ancora preso decisioni relative ad una possibile proroga, anche perché stiamo aspettando anche noi gli sviluppi di questa situazione”, ci ha raccontato Ilaria Toniolo, che si occupa delle attività di ufficio stampa, marketing e relazioni pubbliche per il Museo Poldi Pezzoli.

Il museo non rimane però inattivo, come dimostrato dal lancio delle Poldi Pezzoli Stories: video della durata di circa cinque minuti, trasmessi sui canali Facebook e Instagram e da oggi anche sul canale YouTube del museo, per avvicinare anche i “visitatori” meno social, che raccontano un’opera o le attività di un museo quando è chiuso.

Un’iniziativa che ha avuto un’ottima risposta, come ci ha spiegato la Dott.ssa Tonioli: “Stanno avendo molto successo: il video dedicato alla Dama del Pollaio, raccontata dalla Direttrice, ha raggiunto più di 40.000 persone. I follower sono aumentati, addirittura su Facebook abbiamo registrato un più 18% da quando abbiamo lanciato l’iniziativa. Questo ci fa ben sperare, anche per il futuro”.

Le stories continueranno per tutto il mese di marzo e fino alla riapertura, e ci saranno anche contributi sulla mostra, a cura di Maria Luisa Frisa stessa, ad esempio. Tenete d’occhio tutti i canali social per nuove sorprese e curiosità interessanti!

 

 

 

 


Powered by Mk Media - Sitemap - rss RSS