Collage Tag: un'esperienza unica per il futuro nella moda
Home > News > Collage Tag: un'esperienza unica per il futuro nella moda

Collage Tag: un'esperienza unica per il futuro nella moda

Lo scorso agosto è stato pubblicato l’ultimo numero del magazine, Collage Tag #2, realizzato dagli studenti che hanno seguito il corso di Fashion Styling e del Master in Fashion Editing and Stylingdell’anno scolastico 2019/2020 presso MKS Milano Fashion School. Con l’aiuto dei propri docenti e con il supporto del team di MKS Milano Fashion Agency, i ragazzi sono riusciti anche quest’anno a produrre un magazine online di altissimo livello, affrontando le difficoltà legate alla pandemia di coronavirus e conseguente lockdown senza perdersi d’animo.

Il risultato di tutti questi sforzi è un magazine ricco di contenuti editoriali, tra cui rubriche di moda, shooting fotografici, progetti digitali e addirittura un’intervista esclusiva al designer belga Sander Bos, uno dei finalisti del talent show di moda “Making The Cut” di Amazon Prime. Il progetto di creazione e redazione del magazine, seguito dagli studenti sotto tutti gli aspetti, ha portato anche questa volta grandissime soddisfazioni per tutti i partecipanti.

Il percorso rappresenta poi un momento di formazione importantissimo per tutti gli studenti per arricchire il proprio bagaglio di esperienze ed entrare in contatto con la realtà professionale a cui aspirano. Proprio per questo abbiamo chiesto a due studenti di Fashion Styling di condividere con noi le loro impressioni.

Anna Luzzi ha sottolineato l’importanza di questo progetto per il suo futuro, nonostante l’incertezza dovuta al momento storico: “Credo che il magazine Collage Tag possa aiutarmi nella ricerca del lavoro che vorrei fare, anche se è un periodo difficile per tutti”. Ha ricordato poi il sostegno fondamentale della sua insegnante Bettina Casanova, recentemente scomparsa: “In particolare, ci tenevo a raccontarvi del mio progetto finale, partito da un errore. Proprio grazie all'intervento della docente Bettina Casanova, sono riuscita ad ottenere quello che ritengo un risultato eccezionale, seguendo le due passioni che mi hanno sempre accompagnato da tutta la vita: il disegno e la moda. La ricorderò anche per questo e, se un domani riuscirò a realizzare i miei sogni, dedicherò i miei successi a lei che ha sempre creduto in me e che mi ha insegnato a non perdere la speranza”.

Anche Giacomo Saravalli ha parlato positivamente di questo lavoro, spiegando come “questo magazine sia fonte di soddisfazione per tutti quelli che hanno visto il proprio lavoro pubblicato, un'esperienza nuova che sicuramente sarà utile per esperienze editoriali future”. Ha condiviso con noi anche le sue opinioni riguardo alle fasi di lavoro e alle difficoltà incontrate: “Gli aspetti più interessanti sono stati quelli a partire dallo svolgimento del compito fino all'idea generation, perché volevo creare un progetto diverso fuori dai miei canoni. La parte più complicata è stata, invece, l'impaginazione e l'uso dei programmi di cui necessitavo per la buona uscita del mio lavoro”.

“Consiglierei di impegnarsi al 100% per la soddisfazione di vedere il proprio lavoro pubblicato”, ha concluso Giacomo rivolgendosi ai prossimi ragazzi che prenderanno parte al progetto.

 

 


Powered by Mk Media - Sitemap - rss RSS