Milano Fashion Week 2020: un mix tra sfilate fisiche e digitali
Home > News > Milano Fashion Week 2020: un mix tra sfilate fisiche e digitali

Milano Fashion Week 2020: un mix tra sfilate fisiche e digitali

La Milano Fashion Week sorprende ancora una volta con le numerose novità della prossima edizione, pensate per trovare soluzioni efficaci per ridurre i rischi dell’epidemia di Covid-19. Dal 22 al 28 settembre 2020, la fashion week Women's - Men's SS21 animerà la città con un mix di eventi fisici e digitali – la cosiddetta ricetta “phygital”. Saranno, infatti, 28 gli eventi dal vivo e 24 quelli online, per un totale di 52 appuntamenti, a partire dall’inaugurazione del 21 settembre organizzata dalla Camera Nazionale della Moda Italiana e che si terrà all’interno di Rinascente.

A partire dalle 10 sfilate del 22 settembre, il programma delle giornate si mostra fitto di eventi, fino alla conclusione con i cinque show del 28 settembre. La giornata del 23 settembre vedrà le sfilate di Dolce & Gabbana, Fendi e Alberta Ferretti, ma anche l’esordio del nuovo direttore creativo di Blumarine, Nicola Brognano. Ogni brand ha avuto la possibilità di scegliere la modalità di partecipazione più adatta alle proprie esigenze, tra show fisici - come Giorgio Armani, Dolce&Gabbana, Etro, Sportmax, Salvatore Ferragamo – e digitali – come nel caso di Prada, Missoni, Ermanno Scervino, Luisa Beccaria, Gabriele Colangelo, DSquared2, GCDS e Marco De Vincenzo. Oltre ai vari marchi storici, nel calendario di CNMI si dà anche ampio spazio ai talenti emergenti, con le sfilate dal vivo di Drome, Act N°1 e Calcaterra.

Inoltre, il 24 settembre alle 14:00 sarà possibile seguire la prima collezione co-disegnata da Raf Simons per Prada in diretta streaming su tutte le piattaforme social media e sul sito ufficiale del brand, che darà la possibilità ai privati di visionare la collezione a Milano su appuntamento il 25 e 26 settembre. Sabato 26 settembre, invece, lo show co-ed a porte chiuse di 40 minuti di Armani sarà trasmesso in prima serata su La7 (oltre che su Armani.com): una scelta che permette sia di tutelare la sua salute e quella del suo staff, sia di rendere tutti partecipi della sua sfilata, ha spiegato il designer al Corriere della Sera. Altro evento storico sarà la sfilata di Valentino il 27 settembre, la prima in assoluto a Milano per il brand.

Come nel caso delle fiere partite con Milano Unica tra l’8 e il 9 settembre, presso la Fiera di Milano-Rho, l’obiettivo più sentito di questa edizione della settimana della moda milanese è riportare l’attenzione nazionale ed internazionale sulla moda italiana per rispondere alle difficoltà dei mesi precedenti. Difficoltà che emergono chiaramente anche dalla 2° Indagine sul “Tessile Moda e Accessorio (Tma)” di Confindustria moda, che ha rivelato un calo di fatturato superiore al 20% nel secondo trimestre del 2020 per l'86% delle imprese del settore.

Fonti:
CNMIIl Sole 24 OreIo Donna

 

 

 


Powered by Mk Media - Sitemap - rss RSS