Milano Fashion Week Women’s FW 2020/21: i nostri studenti alla scoperta di tutti i retroscena
Home > News > Milano Fashion Week Women's FW 2020/21: i nostri studenti alla scoperta di tutti i retroscena

Milano Fashion Week Women's FW 2020/21: i nostri studenti alla scoperta di tutti i retroscena

 

 

L’emozione del lavoro nei backstage, la fortuna di vedere con i propri occhi cosa si nasconde dietro al successo di una grande sfilata, la soddisfazione di aver fatto la propria parte per la buona riuscita di eventi di fama internazionale: in poche parole, l’opportunità perfetta per mettere in pratica le nozioni di fashion design e styling che si imparano in classe.
Grazie alla collaborazione con MKS Milano Fashion Agency, questa è la grande chance che è stata data agli studenti della MKS Milano Fashion School.
Durante l’ultima Milano Fashion Week Women’s, gli studenti hanno potuto assistere numerosi stylist per alcuni dei marchi più prestigiosi nel mondo della moda: Versace, Cristiano Burani, Philpp Plein, Anteprima, Alberta Ferretti, Benetton e molti altri.
Abbiamo chiesto loro di raccontarci qualcosa di questa esperienza irripetibile.

In quali sfilate hai avuto l'opportunità di lavorare? Come descriveresti questa esperienza?

Giacomo Saravalli (studente di Fashion Styling): Nella settimana moda donna ho avuto la possibilità di lavorare nella preparazione della campagna pubblicitaria e nei fitting di Philpp Plein ed è stata un'esperienza che mi ha fatto capire quanto io appartenga al mondo della moda. Il livello di stress, mio e soprattutto dei colleghi, era alto, ma al tempo stesso ero orgoglioso di quello che stavo portando a casa come piccolo bagaglio di crescita professionale e felicità!

Alice Zanor (studentessa di Fashion Styling): Grazie alla scuola ho avuto l’opportunità di collaborare, assieme ad una mia compagna, con il brand Anteprima, assistendo prima ai fitting e poi lavorando nel backstage della sfilata. Sono stati dieci giorni intensi e a volte frenetici, ma che porterò sempre con me poiché ho imparato a fare cose nuove ed a misurarmi con situazioni che non avevo mai affrontato prima. Ho vissuto in prima persona la creazione della collezione che ha sfilato e questo mi ha reso molto felice ed ancora più determinata. È stata un’esperienza meravigliosa che mi ha dato tanto, grazie anche al team di Anteprima che mi ha insegnato molto.

Gloria Frezza (studentessa di Fashion Design): A febbraio 2020 ho lavorato come vestiarista da Versace. Le primissime volte ero molto preoccupata in quanto piena di dubbi ed incertezze, ma con l'aiuto di professionisti sono riuscita a svolgere il mio lavoro con molta dedizione e cura. Tutte queste esperienze uniche e soddisfacenti, ovviamente allo stesso tempo stancanti, sono state un valore aggiunto e uno stimolo per i miei obiettivi futuri.

In che modo il corso di Fashion Styling/Design che stai frequentando presso la MKS Milano Fashion School ti ha preparato per questa esperienza?

Carlo Migliori (studente di Fashion Design): Sono uno studente della MKS Milano Fashion School da neanche un anno e posso già dire, secondo la mia esperienza, quanto per loro sia importante che uno studente individui e coltivi le proprie capacità, che abbia contatti diretti con la realtà lavorativa e che di conseguenza impari a gestirla al meglio per la personale carriera futura.

Alice Zanor (studentessa di Fashion Styling): Le lezioni fatte a scuola e i temi trattati sia in maniera teorica sia pratica mi hanno aiutato e favorito nell’affrontare, soprattutto, la parte dei fitting dove sono riuscita ad applicare sul campo ciò che ho imparato. Assistere la Stylist mi ha dato nuovi stimoli e mi ha permesso di accrescere le mie conoscenze di base.

Martina Riva (studentessa di Fashion Styling): Il corso che sto seguendo mi ha aiutata e preparata in parte grazie alla teoria: certe informazioni si sanno solo informandosi e studiando, anche se penso che l'esperienza venga da sé, dalla pratica e dal vivere certi momenti. È solo così che una persona poi comprende realmente.

Quali erano le tue aspettative prima di partecipare ai backstage della settimana scorsa?

Giacomo Saravalli (studente di Fashion Styling): Le mie aspettative erano di vedere un mondo che prima di quest'anno conoscevo solo in parte. Sono sempre stato affascinato dai fashion show ed in particolare modo dal lavoro che c'è dietro, la scelta delle location, la musica, le modelle, i fitting etc. Capisci di appartenere ad un posto solo quando ti fa provare emozioni, ed io le ho provate.

Martina Riva (studentessa di Fashion Styling): Le mie aspettative in realtà erano troppe: da una parte mi ero già fatta raccontare in cosa consistessero i fitting e il lavoro che ci sta dietro, dall'altra volevo vivere sulla mia pelle questa esperienza senza molte aspettative, prendendo le cose come venivano per vivere serenamente il tutto senza panico.

Gloria Frezza (studentessa di Fashion Styling): Le mie aspettative per questa settimana della moda erano normali ma sono stata piacevolmente sorpresa ed emozionata di dover lavorare per Versace dal momento che era un mio desiderio.

Prendere parte a queste sfilate ti ha aiutato a capire meglio le sfide della carriera di uno stylist/fashion designer?

Carlo Migliori (studente di Fashion Design): Ho già avuto l’opportunità di lavorare come vestiarista per alcuni designer durante le precedenti Fashion Week, ma la verità è che non si può mai sapere cosa sta per accadere nel backstage di una sfilata; il desiderio che lo show riesca alla perfezione anche se non sono io ad averlo ideato spiega in quale atmosfera sento di addentrarmi ogni volta. Quando lo show termina, tutto è andato bene e il sorriso è stampato sulla faccia di tutti (sì perché non siamo tutti musoni come sembra), sento esattamente cosa voglio da me stesso, per il mio presente e il mio futuro.

Giacomo Saravalli (studente di Fashion Styling): Certo, mi ha soprattutto aiutato a focalizzarmi ancora di più sui miei obiettivi di crescita professionale e le sfide ben accette che potrò trovare sul mio percorso e personalmente le accetto a braccia aperte, perché mi daranno la possibilità di mettermi in gioco, di imparare e di sentirmi gratificato. Io credo che la passione per la moda possano avercela in molti, ma l'emozione che ti dà l'abbiamo in pochi.

Alice Zanor (studentessa di Fashion Styling): Questa esperienza mi ha fatto capire ancora di più quanto lavoro c’è dietro la creazione di una sfilata e, soprattutto, come tutti i collaboratori (Designer, Stylist, Sarte, Assistenti…) siano importanti per la realizzazione di tutto questo. Ho sicuramente capito quanta dedizione e quante sfide bisogna affrontare per raggiungere determinati obiettivi, ma ho anche appreso che a piccoli passi e lavorando sodo si può raggiungere i propri scopi.

 

 


Powered by Mk Media - Sitemap - rss RSS